Il delivery della tradizione bergamasca

Delivery o asporto?

Aperto o chiuso?

Tralasciando le polemiche (comprensibili e giuste) che stanno attraversando il mondo della ristorazione in questi giorni, è molto probabile che, ancora per un po’ di tempo, i termini asporto e delivery saranno parte della nostra quotidianità.

Purtoppo ormai è chiaro a tutti: non è la stessa cosa. Assaporare un piatto appena preparato, impiattato nella maniera corretta e gustato alla temperatura giusta con le gambe sotto al tavolo del nostro ristorante preferito è qualcosa che ci manca assai.

Ma bisogna fare di necessità virtù e la preparazione dei piatti per l’asporto o con il servizio di consegna a domicilio sta consentendo ad alcuni ristoranti di tenere aperto, offrendo un servizio ai propri clienti.

Sono davvero molte le opportunità e, seppur molte persone di questi tempi hanno riscoperto il piacere del dedicare il proprio tempo alla cucina casalinga, è sempre bello lasciarsi coccolare con i piatti della tradizione preparati magistralmente da alcuni interpreti del nostro territorio: la provincia di Bergamo nello specifico.

Abbiamo quindi selezionato per voi 7 ristoranti della tradizione che in questi mesi si sono ingegnati nella preparazione di piatti del territorio buonissimi, tutti da assaggiare. Se avete voglia di quelle ricette golose che scaldano il cuore, prendete foglio e penna e segnate.

Dalla polenta taragna, fino ai brasati, gli arrosti, le paste fresche e ripiene. Stufati, carni di ogni tipo, nosecc, oselì scapacc e… molto altro ancora!

In Borgo Palazzo, il Giopì e la Margì della famiglia Foglieni

E’ un’attività che esiste da molti anni e, come tutti i locali dalla storia lunga e intensa, ha i suoi cavalli di battaglia. E’ forse ormai un’istituzione per la cucina di territorio, che utilizza nel limite del possibile prodotti locali, di nicchia, per la preparazione di piatti che hanno segnato il percorso del locale. E’ possibile ordinarne sempre di diversi, dagli antipasti a base di giardiniera e salumi, fino ai Capù de Par. E poi, la trippa, le foiade ai funghi porcini o il classico risotto con Taleggio DOP e tartufo orobico. Ma anche il brasato di asino, la cassoeula o il coniglio arrosto.

Per ordini: giopimargi.eu

Read More

Accademia della cucina promuove il «GIOPI’ E MARGI’» di Bergamo

Il risotto inserito nel ricco menù proposto dai fratelli Foglieni (Darwin e Barbara in cucina, Aliosha a dirigere la sala, titolari del “Giopì e Margì” di via Borgo Palazzo a Bergamo), non poteva che essere un 10 e lode, voto assegnato dagli Accademici della Cucina Italiana.

Il risotto è sempre stato uno dei punti di forza del locale, ma quello presentato nella riunione conviviale di febbraio della Accademia è stato particolarmente elogiato, sia per la giusta mantecatura ai pistilli di zafferano, sia per l’aggiunta di Strachitunt Dop (il raro e prezioso formaggio, erborinato in modo naturale, prodotto in Valle Taleggio) e del fiore di zucchina ripieno di acciughe e ricotta ovina.

La conviviale era partita con assaggi vari di fritture di verdure, erbe e frutta in tempura; arancine miste farcite con trippa, con baccalà e con tartufo nero pregiato bergamasco; frittelline alle mele; chips di riso e di polenta bergamasca. Molto apprezzato anche l’antipasto con parmigiana di melanzane con gambero fritto in pasta kataifi.

E’ seguito il risotto descritto in apertura, seguito da “filettino di maialino in salsa di funghi finferli, patate vitelotte e carciofo alla giudia”, a nostro giudizio il meno riuscito della serata. Poi il dessert con un parfait all’amaretto in salsa di cioccolato amaro.

Sicuramente validi i vini serviti in abbinamento: Cortese bianco frizzante 2019, Barbera Superiore 2018, Moscato dolce del Piemonte 2018, tutti Colli Tortonesi Doc, imbottigliati con etichetta del ristorante.

Tutto sommato una cena da ricordare e che verrà recensita positivamente sulla prestigiosa rivista ufficiale della Accademia Italiana della Cucina.

Per finire, i dolci di carnevale: le “chiacchiere” e i krapfen.

NELLA FOTO, I TRE FRATELLI FOGLIENI CON L’AVVOCATO PIOMBI, DELEGATO DI BERGAMO DELLA ACCADEMIA ITALIANA DELLA CUCINA.

Roberto Vitali 21/02/2020

 

Read More